All rights are reserved to Pietro Disegna

 

1

Donna scarlata Pietro Disegna

All rights are reserved to Pietro Disegna
Titolo: Donna Scarlatta
Tecnica: olio su tela.
Dimensioni: cm 200x180
Esposto presso Cucumangi - Via Noventa, 130 - San Donà di Piave Venezia

DESCRIZIONE.
Donna Scarlatta presenta una figura di donna  seduta che volge lo sguardo verso sinistra, direzione che secondo la simbologia del campo di Max Pulver rappresenta il passato, l'origine. 
Lo strumento musicale parzialmente nascosto presenta una porzione di elica del DNA umano con i suoi segreti, ma che da recenti studi in ambito genetico e in ambito biblico risulta essere ibrido, screditando così il Creazionismo e l'Evoluzionismo.
In alto a sinistra è collocata la Luna che, secondo alcuni scienziati, sembra essere cava, un satellite così singolare da poterlo ritenere artificiale, e che secondo antichi racconti di alcuni popoli, un tempo in cielo non c'era.
La prospettiva curva che fa da sfondo è distorta e spezzata, tesa a svelare l'illusorietà dello spazio. È costituita da una strada che si sviluppa sul piano retrostante la Donna Scarlatta, uno sfavillio di colori accesi e geometrie distorte che fuggono verso l'alto a destra ad indicare il futuro. Un futuro sovrastato dalla notte blu oltremare scuro dell'incoscienza al quale la donna volge le spalle.
L'unica verità è nello sguardo introspettivo della donna che si trova al centro del turbine delle informazioni e delle frequenze che ci distolgono dal contatto con la nostra essenza. Lei guarda all'interno di sé, sta contatto con l'origine, la sostanza, per una vita nel cuore. Il suo pensiero cede il potere alla sola percezione annullando l'illusione della consequenzialità lineare del tempo.
La chiave della poetica del dipinto è la fonte di luce che colpisce la donna frontalmente, in quanto si trova all'esterno della composizione, svelando la soglia, cioè il velo illusorio che separa questa dimensione ristretta dall'assoluto. Lo spettatore del quadro, trovandosi anch'esso all'esterno della rappresentazione, cioè oltre la soglia dell'osservato, percepisce un paradosso. Infatti si trova nel contempo all'interno e all'esterno di un contenitore cognitivo, quell'illusione che sembra separare la vita dalla morte.
All rights are reserved to Pietro Disegna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

https://youtu.be/wJ3QVYPudb8

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ooo

111
2
WK
FC
GdeC
PG
JP
SB
MiBu
RaSa
LedVi
ES
CM

 

 

DL